martedì 22 ottobre 2013

Il Muffin al cioccolato


L'adolescente di casa è innamorata. 
Ma cotta proprio, del tipo che sbotta a piangere di felicità perchè lui le ha scritto una frase romanticissima arrivando a dirmi tra le lagrime "mamma, ma io questo me lo sposo!". 
Lui pare un tipino mooolto a modino, carino e tanto complimentoso. Non le ha ancora palpato le tette, non accetta nemmeno che lei gli offra un caffè, la prende e la porta sotto casa come un perfetto chauffeur, bigliettini e whattsappate a ogni secondo della giornata tanto per non farsi dimenticare e brama per conoscere la mamma dell'amata. Sto cercando di temporeggiare ma me lo aspetto da un momento all'altro alla porta con mazzolino di fiori al seguito. Che paura.

Non ho ancora capito se 'st'alieno di soli 21 anni abbia già capito tutto della vita (ovvero come prendere per il verso giusto le donne) o se sia proprio così sdolcinato di suo, in attesa della prima tranva che presto o tardi gli arriverà senz'altro tra capo e collo. 

Fatto sta che siamo arrivati al traguardo del primo mesiversario e dopo trenta lunghissimi giorni di lagrime di gioia, sospironi  e sindrome della capra che sviene davanti al pc a ogni suo commento sui social network, l'adolescente non poteva esimersi dal fargli un presentino. Siccome lei studia ancora mentre lui lavora, non ci sembrava il caso di fare un regalo impegnativo e così l'adolescente decide per un muffin decorato da sfoggiare a mezzanotte del giorno fatidico. Romanticissimo.

"Mammì, però faccio tutto io, eh! Ah, deve essere pronto tra tre ore che poi esco." 

I muffin non sono una mia specialità, ne avrò fatto un paio di versioni ma qua si imponeva un muffin molto cioccolatoso in stile trottolino amoroso con una ricetta testata da fare immediatamente.
Chiedo aiuto alle amiche foodblogger poi leggo lei, Ornellammodomio che tempo fa sfornava dei muffin irresistibili. Che però non è una sua ricetta ma di Paola Lazzari che a sua volta l'avrà pescata chissà dove con nostra grande gioia.
Unico neo, la conversione da cups in grammi.

Non ho i misurini americani quindi quando mi capitano delle ricette americane da convertire, ho le mie tabelle amiche, nel senso che ho un paio di link amici ai quali mi affido. La mia preferita è l'Araba, poi quando non trovo l'ingrediente vado da Marble, poi faccio un salto da Labna, poi.... poi mi fermo e vado a occhio perchè c'ho una certa età e mi stanco facile.

Questi muffin sono davvero buonissimi. Molto profumati e cioccolatosi. Non vi preoccupate se quando preparate l'impasto lo vedete molto scuro è proprio così che deve essere.



Muffin irresistibili al cioccolato

Ingredienti secchi*
220 gr. farina 00 
130 gr. cacao amaro in polvere
190 gr. zucchero bianco
15 gr. amido di mais (ammetto che ci sono cascati un paio di grammi in più)
5 gr. lievito per dolci (anche qui l'adolescente c'è andata un poco più pesante)
un cincinin di sale

Ingredienti liquidi*
250 gr. acqua calda, molto calda
86 gr. olio di semi leggero (io non lo avevo, sono andata di evo)
2 uova di gallina allegra
20 gr. di glucosio (ma anche il miele va benissimo, io l'ho usato)
1 cucchiaino di estratto alcolico di vaniglia home made, dono di qualche anno fa della mia amica Babs che ancora centellino. 

* i miei ingredienti a parte il lievito e lo zucchero erano tutti bio.

Accendere il forno a 190/200° C modalità statico.
In una ciotola setacciare bene le farine, il lievito e il cacao. Aggiungere lo zucchero e il sale e rimestare per bene.
In un'altra ciotola sbattere con una forchetta le uova, l'olio, il glucosio (o il miele che avrete scaldato leggermente per renderlo più fluido) e l'estratto di vaniglia.
Versare i liquidi nella ciotola con gli ingredienti secchi, dare una girata al volo e aggiungere tutta insieme l'acqua molto calda.
Sempre con la forchetta o un cucchiaio amalgamare grossolanamente e riempire per 2/3 circa 12/14 pirottini per muffin.
Infornare per 15/20 minuti con prova stecchino (a me ce ne son voluti solo 15).
Sfornare, annusare e resistere alla tentazione di mangiarli caldi. Fateli almeno stiepidire. Così, giusto per decenza.


E così, dopo tre ore di passione (ma sono cotti? e quando si cuociono? e la pasta di zucchero quando si asciuga? e una candelina meglio di questa non ce l'abbiamo proprio? e che ci scrivo sul biglietto? ho sbagliato forse un congiuntivo? mammaaaa, aiuto!!) completiamo il muffin con la decorazione e lo mettiamo in una bella scatolina da regalo.  E io tiro un sospiro di sollievo.

Romeo & Juliet in love
Morale della favola. Sono in preda all'ansia. Proprio adesso che ero riuscita a convincere l'adolescente a scappare dall'Italia non appena finiti gli studi... Non è che questa per amore non se ne va più e mi rimane sul groppone e magari rischio di diventare pure nonna anzitempo?

E voi, mamme, come vi comportate con i vostri adolescenti in love? 

Alla prossima!

p.s. Il nostro Romeo invece le ha regalato un libro. Figo, penso io appena lo vengo a sapere, che ragazzo d'altri tempi, un libro... Vita, morte e miracoli di Max Pezzali. 
Se lo incontro gli tiro il collo come alle galline. 


Ultimi articoli