martedì 25 marzo 2014

Finger Food: è tempo di cambiare. Miniquiche zucca e radicchio



Una richiesta insolita per me che prediligo cucinare dolci. Creare per una mia amica un menù finger per una serata aperitivo.
Un menù poco convenzionale, che non siano le solite pizzette, patatine e insalatine pseudo-salutiste di riso o di orzo che francamente quando te le rifilano nel buffet aperitivo fan tanto bonsoir tristesse e poi ci credo che uno si butta sull'alcool.

La cosa mi intrigava assai, anche perché quando vado a prendere l'aperitivo, essendo una personcina alla quale notoriamente fa schifo un pò tutto, riesco sempre a lamentarmi e, salvo rari casi, esco puntualmente insoddisfatta.
Chiamo a raccolta il gruppo di supporto (qualche buona forchetta  e soggetti di comprovata esperienza che frequentano i locali più o meno modaioli della capitale) e parte la sperimentazione su una decina di preparazioni possibili.

Ho in casa un libricino della Sigrid, Easy Finger che avevo già accuratamente studiato e ripromessa di mettere in pratica alla prima occasione ed eccola qua. E' un libro che ha già qualche anno ma a me le ricette son sembrate attualissime oltre che semplici da realizzare e particolarmente sfiziose nell'uso di erbe e spezie. Inutile dire che con le preparazioni che ho scelto ci ho fatto una gran bella figura.
Alcune delle ricette del libro si trovano anche sul sito del Cavoletto ma oggi vi propongo una sua quiche che va decisamente d'accordo con il clima autunnale di questi giorni.

Miniquiche con zucca e radicchio 
Da Easy Finger di Sigrid Verbert

Per circa 15/20 miniquiche (more or less)
Pate à quiche fatta da voi oppure un rotolo di brisée già pronta (ma non sarà la stessa cosa, siatene consapevoli, lo siete? Bravi)
200 gr. di zucca (perché voi come me ne avete sempre una scorta in freezer per il risottino salvacena vero?)
un piccolo radicchio
uno scalogno
200 ml di panna fresca liquida
2 uova intere
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
la punta di un cucchiaino di cannella, noce moscata, chiodi di garofano in polvere (ci stanno bene, fidatevi)
sale e pepe

Per la Pate à quiche di Christophe Felder che trovate anche qui ma ve la trascrivo per comodità con il mio procedimento
200 gr. di farina 00
90 gr. di burro freddo
20 gr. di acqua molto fredda
1 uovo
5 gr. di sale

Generalmente questo primo passaggio si fa a mano in una ciotola ma io per fare prima unisco il burro freddo a pezzetti con la farina setacciata e il sale nel robot con le lame azionando a intermittenza per non surriscaldare il burro. 
Ottenuto un composto fine e sabbioso, lo rovescio sul piano di lavoro, procedo con la classica fontana al centro, aggiungo l'uovo e impasto velocemente senza scaldare troppo l'impasto con le mani, aggiungendo l'acqua fredda che potrebbe non servirmi tutta. Dipende dall'umidità della farina e dell'ambiente. 
Appena amalgamato il tutto, avvolgo con pellicola e metto a riposare in frigo per almeno due ore. Io di solito la preparo la sera prima.

Ripieno per la quiche.
Affettare lo scalogno e farlo appassire per qualche minuto a fuoco basso con un giro d'olio in padella. 
Tagliare il radicchio a striscioline, la zucca a dadini e aggiungerli al fondo di cottura per una decina di minuti a fuoco medio basso.
Ungere con un velo di burro fuso gli stampini da minicrostatina se in metallo, gli stampi in silicone invece non ne hanno bisogno. 

Accendere il forno a 180 °C.
Prendere dal frigo la pasta da quiche o la brisée, stendere con il mattarello e pochissima farina per lo spolvero a un'altezza di 2-3 mm al massimo. 
Con un coppapasta delle dimensioni un poco più grandi degli stampi ritagliare i cerchi di pasta e alloggiarli nelle cavità. Bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta. 
Tagliare con un coltello affilato l'eventuale eccesso di pasta dal bordo nel caso di stampini in metallo, col silicone è un pò più difficile e li ho lasciati così, con l'aspetto un pò rustico.
In una ciotolina sbattere le uova con la panna, aggiungere il parmigiano grattugiato e le spezie, regolare di sale e pepe.
Sistemare un pò delle verdure nei gusci di pasta e con il cucchiaio versare il composto liquido. Non fate arrivare il ripieno fino al bordo della pasta, in cottura si gonfia e rischia di tracimare.
In forno statico per una quindicina di minuti, quando i bordi della brisèe si son appena dorati (non troppo, la pasta di Felder non deve venire troppo biscottata, ne va di fragranza e friabilità). Come sempre, la temperatura e il tempo di cottura sono indicativi e variano da forno a forno.
Non fatevi ingannare dalla foto, queste miniquiche sono davvero piccine. Lo stampo in silicone, preso da una recente visita da Peroni, ha delle cavità del diametro di poco meno di 5 cm. Insomma, sono così mini che son perfette per essere mangiate in un sol boccone.
Potete anche farla in un unico stampo da crostata, basta prolungare la cottura per una mezz'oretta o poco più.
E per amor di scienza ho fatto la prova e alcune miniquiche sopravvissute le ho congelate. Le ho tirate fuori e portate a temperatura ambiente. Pochi minuti in forno ben caldo e sembravano riprese bene, la pasta ha retto benissimo ma  il ripieno non ha mantenuto perfettamente la consistenza originaria quindi il consiglio è fatele e mangiatele, tanto van via che è una meraviglia.

Grazie per la visita!

venerdì 27 dicembre 2013

Tutorial Biscotti decorati natalizi Last Minute



Complice malditesta-maldipancia-maldischiena-maldinatale e qualche altro acciacco che mi ha casualmente colpita durante le feste, quest'anno ho fatto molto poco ma in compenso decisamente male. 
Ho dimenticato a casa in centro metà delle buste con le pietanze  e così il menù di alta cucina per la vigilia che avevo anticipato a gran voce si è trasformato in un menù rimediato dal sapore anni '70 con inevitabile delusione di tutti i commensali. Tipo che ho dovuto arrangiare due pennette panna e salmone insomma. Tristissimo.
Addio alla Mousse di salmone, caprino e cipollotto caramellato, al Patè di sgombro su crostini di pane buonerrimo con farina integrale macinata a pietra e bla bla, agli Spaghetti bio con le vongole e cozze ma soprattutto al Baccalà mantecato su passatina di ceci e julienne di carciofi croccanti. 
Una disfatta su tutti i fronti.

Le buste con i regali gastronomici fatti in casa però li avevo portati e, magra consolazione, abbiamo riempito le pance sgranocchiando biscotti. 


Li avevo visti sul blog di Sweetambs.com, bravissima decoratrice di biscotti. Lei li ha preparati in ghiaccia reale e ci regala un videotutorial su come realizzarli. Io invece li ho fatti usando la pasta di zucchero e solo i dettagli in ghiaccia. Sono velocissimi sicchè, se avete qualche pensierino ancora da fare, in quattro e quattr'otto faranno la loro porca figura. 
Io ho usato la ricetta dei Gingerbread Cookies ormai testata e che non tradisce mai.


Iniziamo con della pasta di zucchero bianca e rossa, un mattarello, i biscotti precedentemente cotti e il tagliabiscotto di eguale forma e dimensione. 
Stendere una sfoglia di pasta di zucchero e ricavare la forma con il tagliabiscotto. Ripetere la stessa operazione anche con la sfoglia dell'altro colore.


Con un coltello incidere le punte della stella a formare tanti rombi cercando di essere precisi con il taglio in modo che tutti i rombi siano di eguali dimensioni.



Stendere un velo di gelatina alimentare sulla superficie dei biscotti e iniziare ad adagiare i rombi alternando i colori



Se in cottura è stato previsto un buco nell'impasto per poter appendere i biscotti, prendere una punta tonda liscia per sac a poche e incidere in corrispondenza.



Prendere una pallina di pasta di zucchero, stenderla e ricavare un cerchietto. 
Con la parte opposta della punta di uno spiedino di legno incidere senza spingere fino in fondo. 



Ripetere fino a ottenere i quattro simil-buchi per il filo. Attaccare il bottone al  centro della stella con una punta di gelatina.




Con una ghiaccia reale non colorata (ma anche semplicemente con un poco di zucchero a velo e qualche goccia di limone) un conetto di carta da forno e una punta per sac a poche tonda liscia (io ho usato una PME da 1,5 ma si può anche semplicemente tagliare la punta del conetto) tratteggiare il bordo dei rombi come se fosse una cucitura e ripetere per tutti i rombi.



Inserire la punta in uno dei buchi del bottone e tirare una piccola linea in corrispondenza del buco speculare. 



Ripetere l'operazione e ottenere una croce.
  



Colorare la ghiaccia e ripetere il tratteggio sui rombi di colore differente. 
Fine della decorazione.



Allora, non sono facilissimi e velocissimi da fare?

Auguri!


sabato 30 novembre 2013

Biscotti decorati da parete. Ma anche da porta, da stipite, da architrave, insomma da piazzare in qualche dove e conservare.

Clicca sulla foto per ingrandire
Stavo preparando il post cercando di capire perchè le mie foto non entrano mai nei margini impostati nella colonna principale.
Per quanto ci provi -ve l'avevo detto che non sono molto avvezza con queste cose, si?- non mi riesce e perdo tutto il tempo che dovrei dedicare a scrivere un post mediamente gradevole da leggere nel modificare le dimensioni delle foto. Che poi, quando le foto non sono un granché è pure peggio.
Fatto sta che mentre inserisco l'immagine e salvo per vedere l'anteprima con la speranza di averci finalmente azzeccato, mi scappa il click su "pubblica". Attimo di panico poi ripunto il mouse su "torna alla bozza" e spero vada bene così.
Invece mi accorgo che compaio sulla blogroll degli amici come se avessi appena pubblicato e cliccando sul link si apre il post precedente. Mi sento un poco ansiosa.

Lancio un appello su facebook per ripristinare il problema delle blogroll amiche finché non mi arriva una mail pochi minuti dopo.
"E' inutile che fai la finta tonta che c'è lo viene pure a dire che lo fanno in tante questo trucchetto lo sai non ci provare perché lo fanno così stanno sempre in cima"




































Ora, a parte la punteggiatura latitante e gli errori ortografici, giuro che c'ho messo un pò a capire la storia del trucchetto.



Così adesso, non sia mai c'avesse ragione l'anonimo, vi beccate un post che non ha niente da dire perchè non ho il tempo di approntare un raccontino decente, con due foto in croce, con l'unica nota positiva che è quella che da ora in poi starò molto attenta a dove clicco.


Questi biscotti di frolla al burro li ho decorati per un'amica, che -a suo dire- non è una blogger fighissima e famosissima come se ormai fossi la decoratrice preferita di blogger fighissime e famosissime. Ma quando mai....



I biscotti sono stati apprezzati, appesi e fotografati, d'altronde sono biscotti da parete ma si appendono un pò dove si vuole avendo l'accortezza di chiuderli in una bustina di plastica trasparente con la linguetta adesiva.

Vabbè, con la scoperta del nuovo trucchetto per smanettoni scarsi di blogger vi saluto.

Alla prossima! 


   

Ultimi articoli