mercoledì 28 dicembre 2011

il dolce lo porti tu?...

Sottotitolo:
Ma perchè me lo dite sempre all'ultimo minuto?...



Interno giorno, un sabato mattino qualunque di dicembre. 
Già pregusto la serata in compagnia fuori casa senza dover spadellare come al solito. Per pranzo due spaghi aglio e olio, tanto ci si abbuffa a cena. Squillo del telefono, è Sandra che mi ricorda che l'appuntamento è alle 19,30. E poi sciorina la tipica frase scandendo ogni singola parola in tono smielato... 
Deglutisco e balbetto la prima scusa che mi viene in mente. Non accetta scuse. 
Propongo un profiteroles, i bignè si fanno in due minuti, è pure il mio cavallo di battaglia, con poco tempo faccio un figurone. Mi dice che non è adatto all'occasione. 
Rilancio con un croquembouche con un esaltante groviglio di fili di caramello tutt'intorno che fa tanto scena. Neanche mi risponde, cosa avrà mai costei contro i bigné? 
Insisto, una frolla buonissima, burrosissima, con crema e frutti di bosco caramellati che ho giusto in freezer e se non mi scassate troppo i zibbidei faccio pure lo zabaione al marsa... mi zittisce con un "non se ne parla proprio, ti aspettiamo con una delle tue torte!"

Quasi sempre, appena progettata una torta, armata di carta e penna, mi preparo la scaletta. Considero i tempi di preparazione e di cottura, di farcitura, di riposo in frigo, calcolo il tempo per rivestire la torta in pasta di zucchero, il tempo per decorare e poi moltiplico il tutto per due. In questo modo so a che ora devo iniziare e, anche se ci dovessero essere imprevisti, so a che ora, più o meno finirò.  
Con matematica precisione  calcolo che posso racimolare minuti preziosi evitando di truccarmi, cerco di decidere a mente cosa mettermi addosso per la cena senza passare una mezz'ora in beata contemplazione di fronte all'armadio aperto senza farmi venire una sindrome di Stendhal mentre passo in rassegna i soliti indumenti.  In effetti non è chiaro perchè noi donne passiamo tutto 'sto tempo davanti a un armadio che contiene, più o meno, sempre gli stessi abiti, cosa ci sarà mai da contemplare... per fortuna le vie delle combinazioni cromatiche sono infinite, soprattutto se hai l'armadio pieno di indumenti di colore nero. 
Corro ad aprire il pozzetto surgelatore dove sedimentano gli impasti che tempo addietro ero riuscita a preparare per eventuali torte future e verifico le forme. Ce ne fosse una che fa al caso mio, o troppo piccole o troppo grandi.  Tiro fuori un numero imprecisato di Victoria Sponge, le rimiro (manco stessi di fronte all'armadio di cui sopra) e decido per una wonky cake.
A tempo di record metto su una ganache al cioccolato bianco e coloro la pasta di zucchero. Impilo gli impasti, per verificare le altezze e con uno spruzzino (tipo quelli che si usano in spiaggia pieni di acqua per un pò di refrigerio dalla calura, avete presente?) pieno di bagna fatta con sciroppo di zucchero e rum, inumidisco i vari strati per poi farcire l'interno con la ganache che ancora non è alla giusta temperatura ma me ne infischio serenamente e passo all'intaglio. 
Salto a piè pari tutte le regole per la costruzione delle wonky cake e vado a occhio, i tempi sono strettissimi ma il vantaggio è che la torta è per uso domestico e non mi preoccupo neppure degli angoli, non ne avrei proprio il tempo.
Alla bell'e meglio rifinisco e rivesto con altra ganache, copro con la pasta di zucchero tutt'e tre le torte. Impilo e contemplo (peggio che se fossi di fronte all'armadio). E' storta, decisamente storta  (e qui maledico di non aver fatto come al solito con righello e tutte le accortezze del caso) ma non c'è più tempo per rimediare. Passo in rassegna le attrezzature per la decorazione e l'unica soluzione è quella di usare tagliabiscotti e stampi in silicone, semplici e veloci.


Così nasce questa torta che se me lo avessero detto prima sarebbe stato un tripudio di fiocchi, un'apoteosi di merletti, un arcobaleno di tenui colori pastello come si confà a una torta per un battesimo, anche se  festeggiato in modo informale. 


Il rusultato però non mi è dispiaciuto, complice anche il cartoncino nero che ho usato per lo sfondo che, ho scoperto, mi semplifica il problema delle ombre del flash quando devo fotografare... 


La torta è stata spazzolata tutta, sul vassoio vuoto sono rimaste solo alcune palline colorate che ho usato per  le giunture dei tre piani. 


Per la cronaca, Asia non si è fatta sentire nè vedere, ha poppato quando siamo arrivati e ha dormito tutto il tempo consentendo a noi di mangiare in santa pace. Di figli ne avrei fatti anche tredici se mi avessero garantito che sarebbero stati tutti come lei...


Grazie per essere passati di qua e alla prossima!



martedì 29 novembre 2011

Wonky Cake per una laurea? Si ma quadrata...



Dopo una lunga pausa dovuta ai miei impegni con la famiglia e alla mia tendinite che non mi abbandona, torno a pubblicare una tortina. 
Devo comunque scusarmi con tutti, sono assente dai miei blog preferiti da un bel pò, non ho molto tempo per le visite e per i commenti e me ne dispiaccio ma conto di prendermi una pausa durante le vacanze di natale e rifarmi del tempo perduto.

In effetti questa Wonky è datata, l'ho preparata a luglio quando a Roma sembrava di essere in Florida, caldo e umidità hanno reso l'impresa difficilissima. Anche le glasse colorate mi hanno dato un bel da fare, il rosso e il nero sono due colori non facili da gestire. 
L'interno è una Madeira Cake leggermente rivisitata per ottenere una consistenza più adatta al taglio e alla sagomatura di questa forma particolare mentre per la farcitura ho usato una ganache al cioccolato fondente molto sostenuta (meno panna, più cioccolato). Ho dovuto portarla leggermente a temperatura prima di riuscire a spatolarla bene sulla superficie dell'impasto, ogni tanto scaldavo la spatola per livellare bene e appena la ganache è tornata a temperatura ambiente si è rassodata ed è diventata dura abbastanza da mantenere gli angoli. Vi lascio immaginare il tempo che ho passato a mettere e togliere ganache sulle superfici e sugli angoli... per non parlare della copertura, stendere e nello stesso tempo mantenere in bilico la glassa per non farla assottigliare mentre con le dita sagomavo gli angoli è stato quasi un incubo. Nel primo tentativo ne ho bucati tre su quattro nella torta base, ho dovuto togliere e buttare tutto e rifare completamente la copertura. Per la cronaca, c'erano un paio di crepe sulla copertura... e pure vistose... però stanno dietro ;)

Alla fine tanta soddisfazione ma non credo che ripeterò presto una torta del genere. In tutto ci ho lavorato 3 giorni interi nonostante le decorazioni fossero pronte in anticipo. Ogni copertura è stata estenuante, ricoprire con il fondente stando gobba sulla torta mi ha stancata parecchio e poi l'ansia di non aver mai fatto prima una Wonky quadrata e non sapere fino alla fine se il risultato sarebbe stato soddisfacente non mi ha fatto chiudere occhio per due notti...

Grazie per la visita e alla prossima!


lunedì 19 settembre 2011

We all love Peroni...

Chi vive a Roma ed è amante degli accessori di cucina conosce senz'altro Peroni, uno di quei luoghi di perdizione dove passare qualche ora (rigorosamente da sole, senza mariti e compagni al seguito, tanto non capirebbero...) tra caccavelle dal design e dai colori innovativi, attrezzini high tech e chicche d'ogni genere che ognuna di noi, confessiamolo, vorrebbe avere nella propria cucina.

Eleonora Peroni, splendida padrona di casa e titolare del negozio di P.zza dell'Unità, ha aperto un nuovo punto vendita che si trova sempre nella stessa storica piazzetta del quartiere Prati al civico 16. 
Eleonora ha creduto in questo nuovo progetto, un negozio dedicato interamente alle decorazioni di pasticceria ma sopratutto alle decorazioni in pasta di zucchero. Stampini di ogni forma e dimensione, calchi in silicone (ci sono pure quelli della First Impression!), mattarelli decorativi, dummies in polistirolo, sottotorta rigidi, se non fosse che il negozio è una piccola bomboniera, sembrerebbe di stare in uno di quei grandi store inglesi che vendono solo accessori per la decorazione, insomma c'è veramente un pò di tutto.  
Ovviamente trovate anche i prodotti Decora, le nuove confezioni di gomma adragante, cmc, la gum paste, glasse e coloranti, le ultime novità dal catalogo Wilton, il rifornimento è appena iniziato, a giorni arriveranno quasi tutti i prodotti.

Qui sopra la mia spilletta targata Peroni che ha mantenuto il logo originario, una pera, of course... 
La serata è trascorsa in allegria tra vecchie e nuove conoscenze, gustando le sfizioserie dello chef Antony Genovese. Per la cronaca, sono andata in estasi per il cannolo ripieno di mousse al baccalà, carpirne la ricetta è stato inutile. Tappa obbligata a Il Pagliaccio quanto prima.

E questa è la torta da esposizione che ho preparato per conto della Decora da portare all'inaugurazione che si è tenuta ieri sera. E' stata esposta subito in vetrina ed io mi sono sentita terribilmente in imbarazzo, avrei preferito presentare qualcosa di più elaborato e che fosse più vicino al mio stile. Alcuni di voi sanno che ho un problema ai tendini e ai legamenti (sono in overdose da antinfiammatori  e sul mio viso si possono leggere tutte le controindicazioni descritte nei bugiardini dei farmaci, motivo per cui vi ho risparmiato la mia faccia in foto...)  cosicchè questa torta è stata decorata ai minimi termini senza potermi impegnare troppo, impastare la glassa per me è un delirio figuriamoci fare del modelling... Spero di guarire presto, ho tante torte in testa che voglio realizzare e tanti impegni da rispettare.

A proposito di impegni, martedì 27 settembre, sempre che non mi cedano i polsi, farò una dimostrazione dei prodotti Decora in collaborazione con Peroni, mi venite a trovare? Basta accreditarsi contattando il punto vendita, i posti sono limitati. Per chi già mastica pasta di zucchero non sarà niente di nuovo, è un workshop per principianti ma potrebbe essere un'occasione per andare a sbirciare il nuovo negozio... 

Scappo, sono in ritardo sulla vita come sempre.
Grazie per aver guardato e alla prossima!

martedì 12 luglio 2011

Non c'è più niente da fare...


... è stato bello sognare... sì, con una punta di commozione vi presento l'ultimo numero di G2Kitchen, quello estivo, con all'interno il secondo appuntamento della mia rubrica sulla decorazione in pasta di zucchero.  
E' stato bellissimo collaborare con questa rivista, come per Genny nel suo editoriale, anche per me è stata una splendida esperienza, far parte di un progetto con tante eccezionali foodblogger mi ha gratificata e mi ha dato tanta soddisfazione. 

Poche parole perchè se continuo mi viene il magone, voglio invitarvi invece a scaricare questo numero, fresco e coloratissimo.

Grazie a Genny, a Kia, a tutte le collaboratrici e io ci spero sempre... mai dire mai...


Per scaricare il numero estivo, ma anche i numeri arretrati semmai li aveste persi, andate sul sito di Issu e registratevi gratuitamente.  Non dovete fare altro che digitare nella barra della ricerca in alto alla pagina di issuu il nome della rivista (g2kitchen) et voilà, compaiono tutti i numeri pubblicati fino ad ora. Cliccate sul numero da scaricare poi cliccate sul boxino download pubblication sotto la copertina di g2k,  scaricate sul vostro computer e, buona lettura!


Grazie e alla prossima!

domenica 10 luglio 2011

Concorso Decora il Tuo Dolce: I vincitori!

E' stato più difficile di quanto pensassi. In gara c'erano dolci e decorazioni veramente molto belli, alcuni di ottima qualità ma ho anche visto molte torte impegnative e di difficile esecuzione realizzate molto male, indice che ogni tanto si ha il vizio di misurarsi con cose più grandi di noi. Se da una parte è vero che bisogna sempre cercare di superare i propri limiti, dall'altra è sempre preferibile realizzare nel migliore dei modi qualcosa di semplice piuttosto che cimentarsi in una impresa titanica con risultati di dubbio gusto estetico. Andare per gradi è fondamentale per apprendere al meglio le varie tecniche di decorazione.

lunedì 13 giugno 2011

Partiamo?

click sulla foto per ingrandire
L'estate è alle porte e io sto già pensando alle vacanze che quest'anno, caschi il mondo, farò da qualche parte. Non ricordo quasi più quando sono riuscita a partire l'ultima volta per staccare la spina... anzi sì, me lo ricordo, due anni fa quando sono andata a Rimini per delle lezioni di cake design a una giovane e in gambissima pasticcera... la mattina spiaggia, il pomeriggio lezione, tutto sommato è stata una bella vacanza/lavoro. 
Quest'anno voglio andare in un bel posto dove si mangia bene, si beve a garganella e si dorme in  santa pace, devo assolutamente mettere su un paio di chili. Suggerimenti?

Mentre preparavo questa torta, pensavo proprio alle vacanze. La torta non è venuta esattamente come avevo previsto, forse la stanchezza dell'ultimo periodo di lavoro abbastanza impegnativo si è fatta sentire. 
Per la torta a forma di borsa  mi sono ispirata a quella già preparata al corso di Lindy Smith. La variante è che quella di Lindy erano due mattoni di Madeira Cake con uno strato sottilissimo di crema al burro che fungeva solo da collante, questa invece ha ben 6 strati di ganache al cioccolato gianduia. Ne ha risentito l'intaglio col coltello per scolpire la forma della borsa, gli strati di Madeira alternati alla ganache erano molto sottili e rifilando in alcuni punti se ne è venuta via anche parte dell'impasto. Così tra un rattoppo e l'altro ho capito che con questo genere di torte non è buona cosa fare troppi strati di farciture e se vogliamo una torta in 3d scolpita bene, dobbiamo per forza limitarci a due foratini di Madeira...

La torta a forma di valigia invece era la classica Victoria Sponge, qui mi sono permessa di usare un impasto più soffice perchè non avevo bisogno di scolpire la torta, anch'essa con farcitura in ganache al cioccolato gianduia.

Scappo, devo preparare tutto il materiale per il corso in Brianza di sabato prossimo.
Grazie della visita e a presto!

venerdì 27 maggio 2011

Una Wonky leggera leggera...

Questo periodo sono particolarmente impegnata ma sono riuscita a ritagliarmi un piccolo spazio per creare questa Wonky Cake che ho già presentato su Facebook qualche settimana fa. 


Dal mio primo esperimento del quale non ero particolarmente soddisfatta, ho posto più attenzione agli angoli, li volevo più netti e sporgenti come si comanda a una vera Wonky.
Ho anche sagomato la parte bassa delle due torte restringendo quanto più possibile la circonferenza delle basi, cosa che mi ha impegnato una buona mezz'ora per far aderire la glassa fondente ai bordi senza creare pieghe antiestetiche. 

Questa volta sono più soddisfatta anche se ci sono ancora parecchie imperfezioni sui bordi non proprio perfetti ma ci lavorerò ancora. Mi piace moltissimo questo genere di torte, se non fosse che il lavoro è tanto e porta via parecchio tempo, farei solo queste.

Volevo ricordarvi che il 5 giugno prossimo scade il mio Concorso a premi in collaborazione con Decora. Purtroppo negli ultimi giorni si sono verificati dei problemi nella pubblicazione dei commenti, li ho visti solo grazie alle notifiche via mail e spero di aver aggiornato i link con le vostre creazioni. Andate a controllare, se non doveste trovare il link con le torte che avete postato per il concorso o se ravvisate degli errori segnalatemelo per favore che provvedo.

Per gli amici di FB, posso rassicurare che ho visto tutte le vostre creazioni, vi pregherei quando mi inviate la mail, di riportare il link della vostra bacheca e di chiedermi contestualmente l'amicizia altrimenti non potrò vederle. Purtroppo non mi è possible postare tutte le foto che mi avete mandato, il mio blog non reggerebbe il peso di tutte le immagini, sono più di 100 quelle che mi sono pervenute fino ad ora ma sono tutte ugualmente in concorso.

Vi saluto e come sempre, vi ringrazio per aver guardato.
A presto!

mercoledì 4 maggio 2011

Non chiamatelo contest...

Alla mediocrità umana ultimamente ci ero abituata. Foto delle mie torte rubate e spacciate per proprie, testi dei miei programmi didattici integralmente copiati, adesso anche il nome del mio url utilizzato per un sito. 
E' vero, non ho nulla a pretendere, d'altronde io non ho mai pensato di registrare il dominio e mai avrei immaginato che avrei invece fatto bene a farlo...
Potrei anche pensare, non volendo essere particolarmente maliziosa, che la persona che ha approfittato di questa mia leggerezza non goda di una fervida immaginazione da trovarsi un nome tutto suo e mediamente originale ma sapere che la stessa si occupa di torte decorate... 
E l'argomento lo chiudo qui.

Per questo e per tutelarmi, ho deciso di comprare il dominio de la Piccola Bottega dello Zucchero. Sarà solo una vetrina, le chiacchiere continueremo a farle qui sul blog, è ancora tutto in costruzione e non so neppure quando e se avrò il tempo di lavorarci su ma intanto, per ora, lo spazio è solo mio e quindi direi che è il caso di festeggiare.

Con grande piacere, grazie all'immancabile Decora che ormai mi accompagna con grande disponibilità e affetto, vi presento il 

1° Concorso a premi de la Piccola Bottega dello Zucchero



mercoledì 27 aprile 2011

Primavera, corsi e concorsi...



Ma non era arrivata la primavera? Qui tempo da lupi, se non fosse per lo scirocco che agita i miei sonni notturni, sembrerebbe di essere in autunno. 

Com'è andato il vostro weekend di Pasqua? Vi siete sfiancate in cucina o avete fatto le ospiti e una volta tanto, vi siete sedute a tavola aspettando che vi scodellassero  i piatti? lo so, lo immagino, avete cucinato come al solito... dura la vita da foodblogger eh? :)

Io ho rispettato il detto "natale con i tuoi...", mi sono chiusa in casa, qualche incursione in rete tanto per non andare in astinenza dai blog e ho piazzato l'amichetto in cucina a mettere a dura prova le mie coronarie. Ho il sangue nelle vene che ha la stessa consistenza delle caramelle mou... Per il resto relax totale.

Ah si, una cosa l'ho fatta, la tortina per il mio prossimo corso....
Non è carina? Sebbene sia molto semplice da realizzare, mi sono molto divertita a prepararla, e per questo motivo l'ho proposta per il prossimo corso.

E a proposito di corsi di Cake Design, è in programmazione quello in provincia di Milano, in Brianza per l'esattezza, in una nuovissima scuola di cucina che ci ospita. A breve tutte le info del caso nella pagina dei corsi su FaceBook.

Come già anticipato, tra pochi giorni partirà il mio concorso (ma non chiamatelo contest), il tempo di capire come fare il bannerino e qualche altro dettaglio.

Restate collegati!

p.s. la foto con il mazzolino di fiori tra le candide manine dell'adolescente di casa la trovate nella mia rubrica su g2kitchen. L'avete scaricata, si?... basta registrarsi su issuu, è gratis!

lunedì 18 aprile 2011

G2Kitchen e una nuova rubrica....





Avete sicuramente avuto modo di conoscere e apprezzare questa rivista on line, G2Kitchen nasce da un progetto di Genny Gallo con la collaborazione di altre dieci ragazze sparse un pò ovunque nella blogsfera. 

Da oggi ci sono anche io con una nuova rubrica. Indovinate su quale argomento?

Ricette intriganti, foto emozionanti (a parte le mie...), grafica accattivante, forse sono di parte ma stavolta questo numero mi piace particolarmente. 
Sarà per i colori ispirati alla primavera che la bravissima Kia ha saputo interpretare, forse per le ricette, fresche e delicate, o per le lezioni di photofood di Silvia che io, ovviamente, ancora non ho recepito, o forse per lo spirito di collaborazione che nasce dalla passione e dalla voglia di condivisione di tutte le ragazze, eccezionali foodbloggers, Genny in primis.... 


Basta con le chiacchiere, andate a scaricarvi la rivista e godetevela, magari sorseggiando una limonata alla lavanda e rosmarino o sbocconcellando una fetta di pane alle olive.

Se la rivista vi piace e vorrete aiutarci a diffondere questo progetto potete prelevare dal sito di G2Kitchen il bannerino e metterlo sul vostro spazio, lo apprezzeremo moltissimo. 
E non dimenticate Facce da G2Kitchen!

Un ringraziamento particolare a Genny e a Kia che mi hanno sopportata in questo ultimo mese.

Grazie e a presto!

sabato 12 marzo 2011

Orchidea Phalaenopsis





Mi son fatta attendere, lo so. In questo periodo ho scelto di dedicare gran parte del mio tempo libero ai corsi di decorazione. Insegnare mi piace molto, mi diverte e i riscontri sono sempre estremamente gratificanti. Alla fine di ogni corso sono sempre stanchissima ma non so come mai, ho subito voglia di rifarne un altro.

Erano mesi che avevo dei nuovi attrezzi per la decorazione che giacevano nella scatola dei miei "giocattoli" in attesa di essere testati. E quando dico giocattoli so che chi è appassionato di decorazioni mi capisce perfettamente... Non sono amante dei vestiti griffati, dei gioielli, dei trucchi, mi stresso a fare shopping per le vie del centro ma quando si tratta di sfogliare un catalogo di attrezzature per il cake design impazzisco letteralmente. A ognuno le sue manie...

Ieri pomeriggio apro la mia scatola delle meraviglie e comincio a rovistare.
Nasce così questa piccola torta da esposizione, rivestita di pasta di zucchero, con decorazione del bordo in ghiaccia reale colorata e una orchidea sempre in pasta di zucchero. 

Essendo solo una prova, non ho usato la gum paste (pasta di zucchero addizionata a gomma adragante che sarà oggetto di uno dei miei prossimi post) che solitamente viene utilizzata per creare i fiori e che permette di stendere la pasta di zucchero in una sfoglia talmente sottile da rendere i petali molto realistici. 
Devo dire però che il primo risultato mi ha abbastanza soddisfatta sebbene ci sia ancora molto da lavorare per migliorarne l'aspetto.
I petali dell'orchidea, una volta messi in forma e lasciati asciugare, sono stati spennellati con colorante in polvere per creare le sfumature mentre il pistillo centrale è stato disegnato con colorante in gel. 

Non sapendo come dimostrarvi la mia riconoscenza  per l'affetto e il calore che mi dimostrate qui sul blog e su Facebook, e complici alcune belle novità che spero di condividere con voi presto, per festeggiare ho pensato a un piccolo regalo per voi. 
Vi anticipo che sto organizzando il primo contest della Piccola Bottega dello Zucchero, con premi che sono certa vi faranno gola (aspettate il contest prima di comprare i vostri giocattoli preferiti, potreste vincerli!) ma sopratutto, spero che sarà un momento di puro divertimento per tutti quindi, restate collegati!

Grazie e alla prossima!

venerdì 18 febbraio 2011

Sixteen candles...

Non ho preparato nulla per S. Valentino quest'anno, ero concentrata su una torta per un'occasione speciale.  I sedici anni di Camilla, la bellissima figlia di Babs
Adesso ditemi, esiste qualcosa di più romantico?...

Il design della torta è stato ispirato dopo che la Cami ha visto una delle meravigliose torte di Peggy Porshen, questa, ed io ho cercato di interpretarla per lei.


foto © La Viz
foto © La Viz


Ho preparato anche delle monoporzioni temendo che la torta non bastasse per tutti gli invitati e i biscotti decorati da regalare agli ospiti a fine festa.
 foto © La Viz

foto © La Viz

Il candy buffet è stato realizzato da Barbara, un meraviglioso tavolo addobbato in toni di rosa e fucsia con tanti dolcetti sfiziosi, se volete godere con gli occhi andate da lei...


grazie e alla prossima!

venerdì 28 gennaio 2011

Gli orsacchiotti sul divano


Quando la mia vicina di casa mi ha chiesto di prepararle la torta per il compleanno della figlia mi sono molto dispiaciuta perché era in concomitanza con la consegna della mia ultima Wonky e non ho avuto modo di accontentarla.

Complice qualche giorno a casa per l'influenza dell'adolescente, ho pensato di fare un piccolo presente alla figlia della vicina anche se il compleanno era già trascorso.

Questa è la mia versione di una famosa torta di Debbie Brown, bravissima cake designer internazionale. 

Volevo anche provare una torta a tema S. Valentino da proporre al prossimo corso intermedio di cake design che farò a breve ma devo dire che la copertura della glassa fondente sulla torta sagomata ha richiesto più lavorazione di quanto pensassi quindi ripiegherò su un altro soggetto.

La torta base è una Madeira Cake, una semplice forma rettangolare che ho tagliato in vari pezzi per poi  ricomporre il divano. 
Per unire tutte le parti di Madeira ho usato una ganache al cioccolato fondente, ottima come collante.

Vi saluto, vi ringrazio come di consueto per aver guardato e vi rimando al prossimo post con il resoconto del corso di cioccolateria del Nanni che avrò il piacere di ospitare domenica prossima. 

A presto!


lunedì 17 gennaio 2011

Topsy Turvey, Mad Hatter, Whimsical, Wonky Cake... Torta Storta!

A dire il vero avrei ancora un pò di vecchie creazioni da pubblicare ma ci tenevo a togliermi da torno la mia ultima fatica. 

Sì, perchè è stata proprio una faticaccia fare questa torta dai più nomi ma che in fondo si traduce in un modo solo.

Ho fatto le pesate degli impasti, della ganache e della pasta di zucchero e mi risultavano in tutto circa 7 chili. Alla fine ieri pomeriggio avevo la schiena dolorante però mi sono anche divertita tanto.
Ho cominciato una settimana fa a  preparare tutto quello che mi serviva ma il grosso del lavoro ho dovuto farlo tutto tra sabato e domenica. 

Sono incappata in qualche imprevisto e ho fatto qualche errore ma, per essere la prima volta, la soddisfazione è stata tanta anche se speravo in qualche complimento in più, sembrava quasi avessi presentato una normale torta di pasticceria...

Però adesso ci ho preso gusto e spero di farne un'altra prestissimo, questo genere di torte sono proprio divertenti da realizzare. Magari che pesi un pò meno di questa, ecco.

Grazie e alla prossima!

venerdì 14 gennaio 2011

Un ospite d'eccezione


E' veramente un piacere per me annunciare che la Piccola Bottega dello Zucchero 
ospiterà 

Quando? Il 30 gennaio a Ostia Lido, seconda data romana ma devo anche darvi una pessima notizia. La classe è già al completo.

E lo so, ci siete rimasti male... Quando un mese fa sul blog del Nanni avevo letto  del suo corso ho subito provato a prenotarmi ma era già pieno a poche ore dalla pubblicazione. Poi ieri mi è arrivata la richiesta della disponibilità della sede e ovviamente non mi sono tirata indietro.
Non vi preoccupate, visto il grande successo, il Nanni tornerà a Roma prima di Pasqua. Tenetelo d'occhio se non volete perdervi il suo prossimo corso.

Capisco che la cosa non sarà di alcuna consolazione per voi ma prometto che cercherò di fare qualche foto e vi racconterò l'atmosfera della giornata. 
Avevo già avuto la possibilità di inzozzarmi le manine a casa dello Zio Piero che mi ha introdotta alle conturbanti delizie del cioccolato ma adesso vedrò un vero maestro all'opera... sono già emozionata!

Scappo, questo weekend ho un full immersion nella mia microcucina e chiudo fino a domenica sera. Una torta nuova mai fatta prima, ho già un diavolo per capello, teglie imburrate e infarinate da tutte le parti, dozzine di uova da sgusciare, pacchi di zucchero a velo in quantità industriale... sarò insopportabile per due giorni...

A presto!  

martedì 4 gennaio 2011

Teddy Bear Cookies


Adoro decorare i biscotti e sono sempre contenta quando mi chiedono di prepararli. Mi piace affondare le mani nell'impasto, stendere la frolla e ricavare le forme dai tagliabiscotti. Per la cucina si sprigiona un aroma delizioso e ne preparo sempre una quantità maggiore di quella richiesta, non tutti i biscotti vengono perfetti. Inevitabilmente tra un decoro e l'altro qualcuno finisco sempre per mangiarmelo oppure arriva puntuale qualche ladro di biscotti che ne approfitta per allungare le mani...

Questi biscotti li ho preparati prima di natale e con la giovane mamma che me li ha commissionati, abbiamo scelto un panbiscotto allo zenzero, la ricetta la trovate qui.  Stavolta ho usato tutte le spezie del caso, cannella, chiodi di garofano, noce moscata, un pizzico di pepe e abbondante zenzero in polvere.  Non vi dico che aroma in cucina...

Grazie per aver guardato e a presto!

Ultimi articoli