sabato 20 febbraio 2010

Un panda per Martina

No, non è una sponsorizzazione per il WWF. E' la torta di compleanno di Martina, appassionata del tenero animale.
Ho preparato un pan di spagna al cioccolato e ho voluto provare la versione di Stefania, con qualche piccola modifica.


Pan di spagna al cioccolato di Stefania modificato:
(essendo una torta per 6 persone ho fatto metà dose)

120 gr. di zucchero
55 gr. di farina 00 (lo so stefà...non è la stessa cosa)
55 gr. di fecola
20 gr. di cacao amaro
3 uova
la punta di un cucchiaino di vanillina in polvere.

Montare i tuorli a  lungo con metà dello zucchero finchè l'impasto non scrive. Montare a neve gli albumi con il restante zucchero (basta con queste false leggende, il pizzico di sale per montare gli albumi NON CI VA!!! Dario docet), e già che ci siamo, gli albumi non vanno montati a neve fermissima, mica dovete fare le meringhe...
Unire i due composti con un mestolo con movimento planetario dal basso verso l'alto.
Setacciare bene le farine, il cacao e la vanillina ed unire a più riprese alle uova. Passaggio delicato. Lavorare il composto lentamente sempre dal basso verso l'alto per non sgonfiare il tutto, ripeto, dal basso verso l'alto con movimento planetario.
Ho omesso il lievito essendo una tortina piccola.
Versare il composto nella tortiera imburrata e infarinata, anche se io di solito uso solo la carta da forno sul fondo della teglia, il pan di spagna senza lievito si stacca automaticamente dai bordi in fase di cottura.

170° in forno statico per circa 20/30  minuti ma voi regolatevi come sempre con il vostro forno e con la prova stecchino. Se aumentate le dosi ovviamente ci vorra più tempo. Non aprire mai il portello del forno fino a cottura quasi ultimata pena l'afflosciamento della torta.

Lo so, della ricetta originale non è rimasto molto, ma io sono abbastanza soddisfatta del risultato. Profumato e soffice.
Scappo a consegnare la torta.

20 commenti:

  1. complimenti! per la decorazione hai usato pasta di zucchero?

    RispondiElimina
  2. cristina, mi hai lasciata senza parole: bellissima, originalissima, stupenda. complimentissimi!

    RispondiElimina
  3. Come e' possibile...una piu' bella dell'altra!
    La copertura come e' fatta?

    RispondiElimina
  4. @cinzietta & araba: io uso sempre la pasta di zucchero. ho stampato il disegno che ho trovato su internet, ci ho poggiato sopra la carta da forno e ho ricalcato i bordi neri. poi li ho ritagliati e ho poggiato la sagoma così ottenuta su uno strato di pdz nera e ho intagliato con un coltellino. ho rivestito la torta con uno strato bianco di pdz e ci ho semplicememnte poggiato sopra le parti nere del panda incollandole con un poco di acqua. Grazie ragazze!
    Confesso che ho dovuto scurire la parte bassa del panda nero con un programma per foto, con il flash mi era venuta grigia e non mi piaceva proprio.

    @luxus: grazie cara!

    RispondiElimina
  5. Ma grazie tesoro per l'omaggio immeritato! Comunque anche se solo ti sono stata fonte di ispirazione, mi rende felice e mi onora, ma tu sei molto più brava di me e nelle decorazioni insuperabile!!!
    Baci
    Stefania

    RispondiElimina
  6. La fai sembrare facile...complimenti ancora.

    RispondiElimina
  7. @fantasie: grazie a te!

    @araba: grazie stefania!

    RispondiElimina
  8. @genny: bravetta... ci sono le tecniche di base per chi deve partire da zero, per ogni altro aiuto, se qualcosa non fosse chiaro, sono qui. bacio

    RispondiElimina
  9. mi era piaciuta da impazzire la torta idromassaggio, questa la trovo davvero perfetta. potresti diventare sponsor del wwf!
    ciao :-)

    RispondiElimina
  10. Io sono davvero senza parole; ho scoperto il tuo blog la scorsa settimana e non so da che parte cominciare ad esplorarlo, è tutto meraviglioso: sei davvero fenomenale!
    Ero partita dalle lezioni in quanto vorrei imparare a decorare i dolci, ma non credo proprio che diventerò mai brava neanche un decimo di te!!!
    Questo fine settimana ho tentato qualcosa con la pasta di mandorle, avrei voluto usare la PdZ, ma ho visto che ai principianti consigli di iniziare con quella "compera" ma nell'Ipermercato di Ravenna neanche sanno cos'è, perciò mi sono buttata sul marzapane...ho fatto delle tortine segnaposto che fra qualche giorno posterò sul mio blog, e appena finite mi parevano anche carine, ma oggi che ho rivisto quello spettacolo di "torta tinozza" ho realizzato il fatto che ho dei limiti che non credo supererò mai! Davvero complimenti, sei una maga della pasticceria!!!

    RispondiElimina
  11. E' perfetta, è proprio lui il simbolo del WWf..Sono daccordo la pdz fatta home made è tutta un'altra cosa. Ho avuto modo di provare i preparati, ma sanno di altro...poi son gusti magari. ^_^

    RispondiElimina
  12. @ ale: vero che è meglio la pdz home made? e poi ci sono meno schifezze... hai cambiato foto? non ti riconoscevo... grazie cara! a presto

    RispondiElimina
  13. @ Cri: per cosi poco... grazie a te!

    RispondiElimina
  14. ma che bellaaaaaaa..... anczi no, è Stupenda!!!!!!!
    complimentiiii e buon w.e.

    RispondiElimina
  15. @ Betty: ma grazie!!! sto pasticciando in cucina e aspetto (invano) un raggio di sole per fare la foto... buon weekend anche a te!

    RispondiElimina
  16. Ho molto apprezzato il montaggio degli albumi, senza l'impiego di sale (semmai con gocce di succo di limone)

    RispondiElimina
  17. @ fabiano: grazie, anche se non è farina del mio sacco... seguirò il tuo blog con piacere e, se me lo consenti, ti chiederò qualche consiglio sugli abbinamenti con i vini.
    grazie per la visita!

    RispondiElimina
  18. COSA USI TRA LA TORTA E LA PASTA DI ZUCCHERO? SO GIA DELLA CREMA AL BURRO O GANACHE AL CIOCCOLATO C E QUALCOSA D ALTRO?









    QUALCOSA D ALTRO?

    RispondiElimina

Ultimi articoli